Il gioco degli scacchi è l'arte della battaglia per la vittoriosa battaglia dell'arte. (Savielly Tartakower)



Il gioco degli scacchi è l'arte di analizzare. (Michail Botvinnik)



Il gioco degli scacchi è l'arte che esprime la scienza della logica. (Michail Botvinnik)



Il gioco degli scacchi non è fatto solo di conoscenza e di logica. (Alexander Alekhine)



Il gioco degli scacchi è un'arte celata sotto forma di gioco. (Enciclopedia Sovietica)


Gli scacchi, come l'amore, come la musica, hanno il potere di rendere l'uomo felice. (Siegbert Tarrasch)




Gli scacchi non sono solo conoscenza e logica. (Alexander Alekhine)




La vita è troppo corta per gli scacchi. (Henry James Byron)




Ciò che gli scacchi hanno in comune con la scienza e le belle arti è la loro completa inutilità. (Cassieer)



Gli scacchi richiedono totale concentrazione e amore per il gioco. (Bobby Fischer)




Il destino ha giocato con l'uomo, e l'uomo gioca a scacchi. (Leonid Stein)




Gli scacchi sono l'arte della ragione umana. (Gustavus Selenus)




Il gioco degli scacchi è una lotta contro se stessi. (Gligoric)



Conoscere le mosse è prendersi gioco della fama. E' solo il genio che gioca la partita. (Jean Baptiste Rousseau)




Quanti dolori, ahimè, potremmo fuggire, se solo potessimo ritirare le mosse sbagliate e giocare di nuovo.... (Johan Wolfgang Goethe)




Se qualcuno proibisse gli scacchi per legge, io diventerei un fuorilegge. (Michail Tal)




Non è ora di giocare a scacchi quando la casa va a fuoco. (Proverbio italiano)




Ci sono molti scacchi, ma un solo matto. (Proverbio russo)




Non si può giocare a scacchi, se si è gentili d'animo. (Proverbio francese)




Potete atterrare il vostro avversario con la scacchiera, ma ciò non prova che siate il miglior giocatore. (Proverbio inglese)



LESTO FANTE di Claudio Boschetti

LESTO FANTE di Claudio Boschetti

PDFStampaE-mail

Leggi tutto ...Autunno di fuoco per gli appassionati degli scacchi

Come ogni anno, assieme all'inizio delle scuole ripartono anche le at­tività scacchistiche. Gli appassio­nati di casa nostra hanno fatto i loro compiti e hanno ottenuto diversi risulta­ti importanti che citiamo in ordine cro­nologico: Torneo Rapid Villadossola, il primo tor­neo italiano valido per il nuovo punteg­gio Elo Rapid della Fide. Una trentina di giocatori, di cui tre ticinesi, hanno parte­cipato alla due giorni (25-26 agosto) nel­la fresca Villadossola in Valchiavenna.

Il bravo Simone Medici si è piazzato al se­condo posto assoluto, battuto solamente dal Grande Maestro filippino, Roland Salvador. Per contro lo scrivente, dopo una magra prestazione ha ritrovato la forma solamente a pochi turni dal termi­ne strappando l'unico punto al vincitore. Miglior seniore: il luganese Antonio Schneider.
Team Cup: sabato 8 settembre la squa­dra capitanata da David Camponovo « Le Aquile» si è qualificata ai quarti di finale. Il merito della vittoria va attribu­ita a Gabriele Botta, nono ai Campiona­ti del mondo universitari. Purtroppo gli aquilotti sono poi stati estromessi dal forte Reti di Zurigo, sabato 6 ottobre, perdendo in casa per 3,5 a 0,5. Sono co­munque giunti fra i migliori 8 in Svizza­ra e, questo facendo quest'anno giocare solamente giocatori di casa nostra senza utilizzare rinforzi stranieri.
1. Boat Open Lago Maggiore: una sim­patica iniziativa di Swisschesstour ha portato ben 18 partecipanti sul lago Maggiore. Mentre un battello portava i giocatori al Ristorante Antico Lago di Arolo, dove al primo piano un'accoglien­te sala vista-lago ospitava i giocatori, le accompagnatrici si prendevano corsi di vela, facevano escursioni all'Eremo di Santa Caterina, o alle cascate di Citti­glio.
Un torneo vacanziero per tutti i parteci­panti, insomma, che ha abbinato navi­gazione, tempo libero, gastronomia e molto divertimento ad un torneo comun­que impegnativo. La vittoria, con pt. 4,5/5 è andata al maestro di scacchi e giornalista, Mauro Barletta di Torino. Secondo Boschetti con punti 4/5 (2 patte e 3 vittorie), seguito da Giuseppe Gardi di Milano (pt. 3,5/5) e il tirolese Gregor Gurschler (3,5/5). Gli altri ticinesi pre­senti hanno occupato rispettivamente questi ranghi: 6. il chiassese Simone Me­dici (3/5), 7. il luganese Simone Bianchi (3/5), 11. il locarnese Marco Piona. Sicu­ramente nel 2013 ci sarà una seconda edizione del «Boat Open».
Open di Biella: il weekend del 28-30 set­tembre ha accolto nella cittadina pie­montese ben 186 giocatori. Mentre nel gruppo A, 4 Grandi Maestri, capeggiati dal n. 2 italiano Sabino Brunello e diver­si maestri si contendevano il primo pre­mio, nel torneo B regnava un clima mol­to più amatoriale. La vittoria dell'Open A è infatti andata al Maestro Internazio­nale campano Duilio Collutiis, che ha chiuso con 4,5 punti superando dopo lo spareggio tecnico il Grande Maestro filip­pino Roland Salvador ed il Maestro In­ternazionale bulgaro Petar G. Arnaudov. I ticinesi Medici e Boschetti questa volta hanno terminato solamente a metà clas­sifica (punti.2,5/5).
Prossimi appuntamenti importanti: ve­nerdì 12 ottobre si disputerà un primo torneo italo-svizzero a Lesa sul lago Maggiore, organizzato da Swisschesstour e dal Circolo del Cusio. Diversi ticinesi e svizzeri giocheranno in un Open integra­le di 5 turni. Una forte delegazione ma­giara, rappresentata da 3 Maestri Inter­nazionali, si contenderà, assieme ai mi­gliori piemontesi (capeggiati da Aghayev e Angelini) e ai più forti ticinesi (Paleolo­gu, Boschetti e Medici) questa prima edi­zione dell'Open internazionale di Lesa. La 15. edizione dell'Open di Lugano (ponte Ognisanti) invece prevede diverse novità: 7 turni e 2 gruppi. L'Open A per esperti e professionisti, e il B per giocato­ri amatoriali medi ed esordienti. Mag­giori informazioni: www.swisschesstour. com e www.chesslugano.com